La destinazione Terme e Colli Euganei

La destinazione Terme e Colli Euganei è stata ufficializzata lo scorso agosto 2016, tuttavia se ricerchiamo il suo significato originale da un punto di vista sociale, culturale, ed economico troviamo che il turismo in questo territorio è qualcosa di ancestrale, grazie all’acqua termale e al fango.

Queste risorse naturali sono diffuse in tutta l’area ai piedi dei Colli Euganei e risultano particolarmente abbondanti nelle località di Abano Terme, Montegrotto Terme, Battaglia Terme, Galzignano Terme e Teolo, dove l’industria turistica ha dato vita al più grande bacino termale d’Europa. Durante la seconda metà del Novecento il successo turistico è stato determinato da un prodotto turistico garantito da circa 100 centri termali integrati negli hotel e gestito con dinamiche tipicamente corporate.

Si tratta di una scelta che è stata vincente per quel periodo e che ha determinato l’affermarsi di località star brand nel mercato europeo.

Tuttavia, la moderna evoluzione del prodotto verso esperienze turistiche più sofisticate ha spostato l’attenzione verso il territorio dei Colli Euganei, con la conseguente necessità di cambiare approccio al turismo e all’organizzazione turistica. Questa ridefinizione dello spazio vitale del prodotto turistico viene definita come azione prioritaria nel piano strategico del turismo in Provincia di Padova 2007, nel Piano Ambientale del Parco Regionale dei Colli Euganei, nell’importante lavoro di rebranding delle Terme Euganee e nello stesso Destination Management Plan dell’OGD Terme e Colli Euganei.

La costituzione dell’OGD e il relativo riconoscimento da parte della Regione non sono altro che l’affermazione di una realtà turistica la cui consapevolezza è ormai diffusa nella popolazione locale. Si tratta di un processo che non si è concluso ma che deve avere la finalità di creare un’unica comunità turistica , in modo che anche l’ospite possa percepirla e fruire facilmente del territorio. Il punto focale dello sviluppo della destinazione turistica sta nel far crescere la consapevolezza turistica nella comunità residente in modo che l’ospite possa sentirsi accolto al suo interno e non solo nella struttura ricettiva dove risiede.

Un punto di forza della destinazione turistica Terme e Colli Euganei è la sua felice posizione nel contesto regionale. I facili collegamenti garantiti dalle autostrade, ferrovie, piste ciclabili e corsi d’acqua, uniscono le Terme e i Colli Euganei con le città d’arte, le spiagge veneziane e le Dolomiti, integrando e completando in questo modo l’offerta turistica. Si tratta di sinergie che per dare risultati richiedono il riconoscimento delle specificità di ciascuna destinazione, la definizione di modelli organizzativi appropriati e l’utilizzo di comuni strumenti di management, come l’Internet Destination Management System (DMS) o di marketing, come le card turistiche evolute.

1

2

3

4

5

Si riportano alcune immagini significative per la storia turistica del territorio. Le prime si riferiscono a due guide turistiche pubblicate a cavallo tra Ottocento e Novecento, la terza e la quarta descrivono gli anni del boom turistico delle terme. Nei comuni termali si costruivano nuovi hotel sulla spinta di una domanda turistica internazionale, mentre sui colli non si credeva che il turismo potesse agire come leva per lo sviluppo del territorio. L’ultima foto è presa dal portale www.visitabanomontegrotto.com, la cui comunicazione è coerente con il concetto turistico di Terme e Colli Euganei.