Cava Bonetti è un gioiello, per noi è prioritario il recupero

“Cava Bonetti è un gioiello che va valorizzato. Questo è quel che abbiamo detto in campagna elettorale quattro anni fa e questo è l’obiettivo che abbiamo cercato di perseguire”

Il parco tematico di Tex Willer, con investimenti privati, è un’opportunità per Montegrotto Terme. Se i tempi si allungano, come ci ha informato il nuovo proprietario dell’area Giorgio Bonelli, giudichiamo comunque positivamente l’idea di un primo step di valorizzazione in chiave di location per eventi culturali e sportivi. In questo senso possiamo già annunciare che la ex cava Bonetti è stata scelta, grazie alla collaborazione con l’associazione Play, come location per Sentieri Sonori: il 19 settembre ci sarà una passeggiata naturalistica sul sentiero del Monte Alto alla scoperta dell’origine dei Colli che arriverà a Cava Bonetti, dove un concerto degli Honoluli 4et festeggerà la luna nuova con musica tradizionale irlandese, barbershop americano, spirtual e swing. È il primo passo per la valorizzazione di un luogo molto suggestivo che si aggiunge alle ricchezze di Montegrotto Terme”

“In campagna elettorale – prosegue Mortandello – avevamo promesso di creare tutte le condizioni politiche e tecniche affinché il sito corrispondente all’ex cava Bonetti potesse essere riqualificato, rigenerato e reso al servizio della comunità. Si tratta di un luogo veramente peculiare sia per la storia sia per il potenziale che lo caratterizzano. Al nostro insediamento abbiamo subito bocciato il progetto che individuava quella zona come una zona di espansione edilizia che avrebbe comportato una grandissima speculazione. Abbiamo invece comunicato che saremmo stati disponibili ad accogliere proposte che rendessero quel luogo fruibile per la comunità con servizi che avessero caratteristiche di rigenerazione.

Si è fatto avanti Giorgio Bonelli che periodicamente viene in vacanza a Montegrotto Terme, che colpito dal luogo ha deciso di acquistarlo con l’obiettivo di creare un parco tematico che riproducesse gli ambienti di Tex Willer. Abbiamo sposato fin da subito questa iniziativa che è in linea con il nostro obiettivo politico e che gode di una sostenibile economica – perché è chiaro che noi dobbiamo misurarci non con i sogni, ma con le iniziative che sono sostenibili da un punto di vista economico e imprenditoriale e questa lo è”.

“Ora – prosegue Mortandello – anche con incertezze economiche conseguenti all’emergenza Covid, Bonelli ha confermato la sua volontà di investimento per la messa in sicurezza, il risanamento e la rigenerazione della cava. Noi abbiamo dato la disponibilità a valutare anche progetti diversi da quello originario. L’obiettivo è sempre quello del parco Tex, ma se nel frattempo si creano spazi per la collettività, si fa la bonifica dell’area, si mette a disposizione di tutti questo luogo magnifico, l’amministrazione non può che agevolare questo percorso”.

Rispondendo ad Emanuele Boaretto che ha criticato il progetto, Mortandello fa presente che il modello turistico degli hotel isola da lui predicato di fatto non esiste più: “I turisti hanno bisogno di territorio e diversificazione dell’offerta. È tempo di chiudere con le logiche delle vecchie lobby di potere che hanno impedito uno sviluppo della nostra città. Ora noi col concetto di OGD, organizzazione di gestione della destinazione, allargata al territorio e soprattutto aprendo a sani investimenti sul territorio coerenti con la vocazione turistica stiamo creando le basi per il rilancio e questo progetto ne fa parte”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *