Parco acquatico termale: partito il percorso di condivisione con gli stakholders

Mortandello: “Scala regionale, non locale”

L’amministrazione comunale di Montegrotto Terme ha avviato con un primo incontro con gli albergatori di Montegrotto e Abano Terme il percorso di presentazione del progetto di Parco Acquatico Termale presentato all’amministrazione da alcuni privati che hanno proposto all’amministrazione un accordo pubblico-privato per il cambio di destinazione d’uso di un’area a Mezzavia dove potrebbe sorgere uno dei parchi termali plurifunzionali più grandi d’Europa, attivo tutto l’anno grazie all’acqua termale.

“In questo percorso – spiega il primo cittadino di Montegrotto Terme, Riccardo Mortandello – vogliamo coinvolgere le categorie economiche interessate su scala non locale ma regionale, vista la portata del progetto che prevede un investimento di 90 milioni di euro da parte di privati e che avrà un indotto che supererà i confini amministrativi comunali.

 

Abbiamo inoltre in programma una serie di incontri con le amministrazioni della zona termale e dei Colli euganei, con il Comune di Padova, e con l’amministrazione che ci sarà a Venezia dopo le elezioni”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *