Dal successo del banco alimentare ai vestiti solidali

Solidarietà ed economia circolare a Montegrotto Terme

Potrebbe essere un negozio second-hand e invece sarà la nuova iniziativa di solidarietà ispirata all’economia circolare messa in campo dall’assessorato al Sociale del Comune di Montegrotto Terme assieme ai volontari dall’Auser. A partire da questo giovedì, presso la biblioteca Civica Alda Merini in via Scavi 19, sarà disponibile un nuovo punto di distribuzione solidale di abiti usati per bambini e adulti.

“Abbiamo lavorato – racconta l’assessore Roetta – per una distribuzione organizzata: i vestiti dei bambini sono divisi per sesso e per età, quegli degli adulti per taglia. Si tratta di abiti in parte nuovi, in parte usati in buono stato. Vogliamo in questo modo offrire un aiuto alle persone in difficoltà. Lo facciamo anche perché crediamo, sempre e in questo momento ancora di più, nell’utilità della condivisione per ridurre gli sprechi”. Il punto di distribuzione, che fa parte delle iniziative della campagna “Per Montegrotto noi ci siamo”, sarà attivo con due volontari Auser tutti i giovedì dalle 16 alle 18. Per informazioni: 349 6656995

L’iniziativa segue il successo del banco alimentare avviato a Montegrotto Terme due anni fa che in questi mesi di emergenza in cui il numero di assistiti è salito a 230 persone si è trasferito al centro Auser di via Diocleziana. “Abbiamo allestito – spiega il consigliere Silvio Nardo – un minimarket dove le persone che si trovano in difficoltà, anche momentanea, possono trovare tutto quello di cui hanno bisogno per la spesa: nei tre giorni settimanali di apertura, lunedì, mercoledì e venerdì, abbiamo a disposizione anche pane fresco, latte e latticini, verdure fresche. Ogni utente è registrato col suo nucleo familiare e riceve in proporzione alle necessità e a quel che ha già ricevuto. In questo modo siamo riusciti fino ad ora a venire incontro a tutte le necessità anche in un periodo così delicato.

Il pane arriva grazie alla generosità dei tre panifici di Montegrotto Terme: Frasson, Baratto e Esterin. Altri generi arrivano grazie ai supermercati Alì, A&O, Prix, al Centro di Aiuto alla vita di Abano Terme, alla Caritas diocesana, al ristorante Volpe, agli hotel Tergesteo e Petrarca. La polisportiva Montegrotto ha fornito 40 pacchi alimentari, i banchi del mercato del martedì e del giovedì donano al banco alimentare le eccedenze consentendo di avere sempre prodotti freschi, attraverso la Croce Rossa italiana sono arrivate scorte di detersivi.

Il centro è arrivo grazie ai volontari, che rispettano rigorosamente le norme per il contenimento del Covid, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 12. Si accede dopo aver fatto richiesta si Servizi Sociali.

“Banco alimentare, e ora la distribuzione di vestiario – afferma il sindaco Riccardo Mortandello – sono servizi di cui andiamo particolarmente orgogliosi: richiedono impegno e tanto lavoro volontario ma è molto bello vedere una comunità coesa in cui ciascuno dà quel che può per aiutare chi ha bisogno. Come amministrazione facciamo tutto quanto nelle nostre possibilità per supportare queste iniziative”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *