Foibe: una lettera per conoscere, una lettera per non dimenticare

Questo il contenuto della lettera che ho inviato ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado Vivaldi di Montegrotto Terme in occasione del gio

 

Cari ragazzi,

oggi, 10 febbraio, è il Giorno del Ricordo. Una giornata dedicata alla memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati.
Una vicenda a cui è stata data poca importanza per molto tempo.

Facciamo un passo indietro perché, forse, molti di voi non conoscono ancora quello che successe all’epoca in queste terre di confine.

Siamo nel secondo dopoguerra, e a Parigi vengono firmati i trattati di pace che assegnano a quella che allora si chiamava Jugoslavia alcuni territori che fino a quel momento erano stati italiani.
Mentre in tutto il mondo si festeggia la fine della Seconda guerra mondiale, diverse migliaia di persone che abitano ai confini nord-orientali, si trovano di fatto a dover cambiare nazionalità e subire le persecuzioni da parte dei partigiani jugoslavi. Molti, moltissimi, sono costretti a diventare esuli per sfuggire all’ostilità.

Proprio in quel clima di odio e violenza l’uomo ha conosciuto il dramma delle foibe.

Cos’è una foiba? Vi starete domandando. È una fossa molto profonda tipica delle regioni carsiche in cui all’epoca queste persone perseguitate venivano gettate, spesso mentre erano ancora in vita.
Vittime che morirono inghiottite dalla terra e di cui oggi è impossibile stabilire un numero certo.

Queste sono solo poche informazioni che riassumono una pagina triste e complessa della nostra storia recente.
Ancora una volta il nostro invito è ad essere curiosi, ad approfondire e a riflettere.
Da parte nostra una promessa: essere al vostro fianco, insieme ai vostri genitori e ai vostri insegnanti, in questo percorso di conoscenza e maturazione.

Non ci stancheremo mai di insistere sull’importanza dei valori della pace e del rispetto per l’altro a prescindere da ciò che è successo perché gli avvenimenti non devono mai diventare la giustificazione per compiere orrori o dimenticare.

Buono studio!

Montegrotto Terme, 10.02.2020

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *