Montegrotto Terme: in arrivo 6 colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici

Deliberata in giunta l’installazione

Montegrotto Terme si appresta a installare nel proprio territorio 6 colonnine di ricarica che potranno servire contemporaneamente 12 veicoli o motoveicoli elettrici. Dopo la delibera della Giunta comunale, l’amministrazione ha scelto di procedere con la società Civiesco di Udine, che ha presentato la migliore tra le proposte pervenute. 

«È una scelta importante – spiega il vicesindaco Luca Fanton  – per una politica attenta all’ambiente e alla sostenibilità. Vogliamo incentivare l’uso di veicoli elettrici per ridurre l’inquinamento atmosferico e acustico”. “Nel prossimo futuro – aggiunge il consigliere Omar Turlon che ha seguito da vicino la questione – ci sarà un maggior impiego di auto elettriche e per questo abbiamo pensato di venire incontro alle esigenze dei cittadini e dei turisti”.

Le colonnine saranno installate una in zona piazza Roma e una in parco Mostar, le altre aree verranno individuate in accordo tra la Civiesco e il Comune di Montegrotto Terme. 

Le postazioni saranno facilmente rintracciabili tramite segnaletica stradale orizzontale e verticale e ciascuna sarà attrezzata per il parcheggio di due auto o di due veicoli leggeri (motocicli o altro). Il tempo indicativo per effettuare la ricarica completa di un’auto è di 3 – 4 ore. Potranno essere utilizzate tramite tessere ricaricabili Mobilitycard disponibili presso gli uffici del Comune o richiedibili online, o per accessi occasionali (per esempio dei tanti turisti presenti a Montegrotto Terme) si potrà pagare il dovuto attivando le colonnine tramite smartphone. 

La Civiesco riconoscerà al comune a titolo compensativo per l’uso dello spazio pubblico la possibilità di usufruire gratuitamente delle postazioni di ricarica per alimentare i propri veicoli elettrici e un corrispettivo del 10% degli incassi derivanti dalle ricariche effettuate dagli utilizzatori del servizio. L’accordo avrà una durata di 10 anni, rinnovabile per altri due. 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *