Montegrotto Terme approva la “pace fiscale”

Montegrotto Terme approva la “pace fiscale” per chi ha contenziosi: domande entro fine maggio 

Un’opportunità per i cittadini e per l’amministrazione comunale di chiudere contenziosi annosi risparmiando sulle spese legali: per questo motivo il Comune di Montegrotto Terme ha deciso di aderire alla cosiddetta “pace fiscale” prevista da decreto approvato dal parlamento nel dicembre scorso. I sampietrini, cittadini o attività commerciali o imprenditoriali, che hanno un contenzioso con il Comune per il mancato pagamento di una tassa locale (Imu o canone delle acque reflue) entro il 31 maggio  potranno presentare al Comune una domanda per sanare la loro posizione con un importo ridotto. 

“Abbiamo deciso di aderire  – ha spiegato il sindaco Riccardo Mortandello al Consiglio comunale – alla cosiddetta ‘pace fiscale’ perché il governo nazionale ci offre un’opportunità per dare soluzioni a problemi, come quello del canone delle acque reflue, che la nostra amministrazione ha ereditato dalle precedenti e che sta cercando di risolvere utilizzando tutti gli strumenti previsti dalla legge. Certo è che le questioni complesse si risolvono se tutti gli attori coinvolti fanno un passo avanti: il passo dell’amministrazione è forte e deciso. Ci auguriamo che anche i privati coinvolti capiscano la nostra disponibilità e siano anche loro disposti a fare un passo in avanti”.

“Personalmente – ha aggiunto l’assessore al Bilancio, Pier Luigi Sponton –  non sono un amante dei condoni, ma in questo caso abbiamo fatto i conti dettagliatamente e a fronte di circa 607 mila euro di esposizioni per le 22 cause pendenti che possono rientrare in questa pace fiscale (6 per l’Imu e 16 per il canone delle acque reflue), la ‘perdita’ per in caso di adesione dei soggetti alla pace fiscale sarebbe del 10%. Se consideriamo a quanto ammonta il costo della tutela legale, è chiaro che in ogni caso anche con il mancato introito questa pace fiscale costituisce un vantaggio per l’amministrazione comunale”. 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *